Salone WorldWide Moscow

DESIGN E DINTORNI

Architettura e visione

C’è una sottile attrazione tra l’occhiale da sole, accessorio non ancora centenario – le prime lenti colorate nacquero nel 1929 – ma mai tanto iconico come in questo ultimo decennio, e l’architetto (ma anche l’industrial designer). Sarà perché in quest’oggetto di piccole dimensioni e d’uso ordinario, forma e funzione, volume e proporzioni, colori e riflessi sono concetti fondamentali proprio come nella progettazione. O perché esprimere tutta la propria creatività e visione estetica in un prodotto “semplice” – per così dire – è davvero una sfida. Sta di fatto che archistar e designer noti (e meno noti) si stanno sempre più cimentando nel design della visione con risultati davvero straordinari. I loro occhiali sono vere e proprie dichiarazioni di stile, geometrie dove l'occhio di chi osserva entra e naviga nel gioco di linee e volumi e l'occhio di chi li porta vive nuove esperienze espressive dell'identità.

Le nuove collezioni firmate da Álvaro Siza Vieira, Studio Palomba e Serafini, Hani Rashid, Matteo Ragni, Marco Giachino e Marco Ribaldone, sono piccole architetture per il volto. Sintesi perfetta di design, architettura e natura, questi occhiali sono opere d'arte concettuali, al di là di mode passeggere: si passa da forme iper-geometriche – squadrate o perfettamente tonde – a intrecci sinuosi che creano interessanti giochi tridimensionali; da un’estetica minimal o avanguardistica al sapore dell'architettura moderna giapponese; dalla ricerca di materie prime nobili – legno o marmo – all’uso di materiali innovativi e tecnologie di ultima generazione.

In tutti i casi, si tratta di oggetti dal forte impatto estetico ed emotivo che raccontano molto sia del loro autore ma anche di chi li indosserà quest’estate. 

VAVA, design by Álvaro Siza Vieira 

Vava è un marchio di occhiali portoghese dallo stile sofisticato, contemporaneo e urbano. Futurista, concettuale e senza tempo, il brand è fortemente ispirato dall’architettura. Squadrati come edifici, gli occhiali VAVA usano il viso come un paesaggio. La collaborazione con Álvaro Siza Vieira è il risultato di un legame indiscusso tra architettura e design della visione. Le opere dell’architetto portoghese sono sempre state una grande fonte di ispirazione per il marchio e il risultato di tale collaborazione è la creazione di un’intrigante e sperimentale capsule collection.

18_DedI_Architettura-in-vista_Vava.jpg

Philippe Rouge, design by Studio Palomba + Serafini

Architettura. Design. Cultura. Musica. Ecco a cosa si ispira Philippe Rouge Eyewear, brand giovane di occhiali da sole che guarda al mondo per trarne ispirazione, dalle luci lampeggianti di Tokyo alle città storiche italiane: le sue collezioni sono metropolitane, in un mix infinito di personalità, design, ricerca e moda. Lo studio Studio di Design milanese Palomba + Serafini firma i modelli Raphaela, Renée, Albert, Janis e Francine, fusione del design più all'avanguardia con la scelta delle migliori materie prime.

18_DedI_Architettura-in-vista_PhilippeRouge.jpg

Pugnale, design by Hani Rashid

Pugnale è un brand hand made in Italy che si distingue per innovazione, artigianalità italiana e sperimentazione tecnologica. Quest’anno, continua il suo percorso di ricerca creativa con una nuova collaborazione che dà vita alla capsule collection AUDREY Hani Rashid for Pugnale. Un incontro che ha permesso al marchio di realizzare tre creazioni ispirate a Audrey Tritto, luxury influencer amica e musa di Hani Rashid. Scultoreo, dinamico, emblema di un’originalità senza limiti, il modello Fiano si distingue per i sinuosi intrecci sul frontale caratterizzati da spessori diversi, che creano effetti ottici 3D. Dall’animo optical e contemporaneo, Persan è la proposta da vista che spicca per il suo carattere forte e una silhouette capace di sfidare il concetto di geometria. Hi tech e iconico nei suoi dettagli, Arilla ha il frontale caratterizzato da una fitta rete di fori, trademark inconfondibile dell’approccio al design che distingue lo studio Asymptote di Hani Rashid.

18_DedI_Architettura-in-vista_Pugnale.jpg

Budri, design by Valerio Cometti+V12 Design

Valerio Cometti+V12 Design firma per Budri, eccellenza italiana nella lavorazione del marmo, una collezione eyewear che è un tributo alla leggerezza e un’evoluzione progettuale nella lavorazione della pietra: la materia, rara e preziosa, diventa superfice millimetrica che si trasforma in un occhiale esclusivo dalla calzata perfetta. Materica ed emozionante al tatto, leggera e durevole, questa collezione avvicina chi la indossa alla natura e sorprende con mille sfumature differenti: da pennellate di blu acceso che sfumano in striature azzurro pastello, ai toni tipici delle foreste pluviali – una gamma di verdi che spaziano dal verde oliva al verde acido con forti venature marroni – fino venature pittoriche rosso mattone, giallo ocra e verde oliva con fondo crema-nocciola-grigio. La collezione, composta da cinque modelli, presenta diverse finiture di superficie – “brillante” per un marmo dall’effetto lucido, “seta” per la versione opaca o “tempo” per un’allure vintage – abbinate alle minuterie realizzate in tre nuance: matte black, oro e argento.

18_DedI_Architettura-in-vista_budri.jpg

W-eye®, design by Doriano Mattellone e Marco Ragni 

W-eye® nasce dall’incontro di Doriano Mattellone e Matteo Ragni che intuiscono la potenzialità delle loro materie prime “preferite” quando accoppiate nell’oggetto occhiale: legno e alluminio, materiali resistenti e leggeri, danno vita a montature nuove, forti, flessibili e sostenibili. La nuova collezione, sviluppata in collaborazione con Ma-wood, vede l’utilizzo dei legni ALPI® come base principale per la realizzazione delle montature. Nuance grigie e fantasie eleganti e vivaci danno particolare risalto ai dettagli della collezione.

 

18_DedI_Architettura-in-vista_W-EYE.jpg

Nuiit, design by Marco Giachino e Marco Ribaldone

Nuiit ispira le sue collezioni di occhiali da sole all'antica tradizione Inuit e al sistema con cui, dai tempi dell’antichità, le popolazioni dell'Estremo Nord proteggono gli occhi dalla luce accecante nelle lunghe giornate polari. I copriocchi Inuit in legno o osso, veri antesignani dei moderni occhiali da sole, sono infatti speciali montature prive di lenti ma con una fessura orizzontale in grado di schermare il riverbero dei raggi solari, attraverso la riduzione del campo visivo. Nuiit declina questa suggestione a partire dal nome e nel design delle lenti con tecnologia Light Shadow, caratterizzate da una banda sfumata che attraversa orizzontalmente ciascun cristallo. Realizzati con cura artigianale, gli occhiali Nuiit hanno montature in acetato spazzolate a mano e lenti in vetro temprato arricchite con Terre Rare, sostanze minerali dalle particolari proprietà ottiche. Il risultato è una visione 70 volte più nitida per garantire agli occhi una protezione completa sia dalla luce diretta sia da quella riflessa, anche in condizioni estreme. E' inoltre possibile personalizzare ogni occhiale con la giusta gradazione per ottenere la correzione dei principali difetti visivi. Esclusività, raffinatezza ed eleganza sono le caratteristiche di questi occhiali che danno forma all’esperienza di sentirsi unici e irraggiungibili.

 

18_DedI_Architettura-in-vista_001mix_Nuiit.jpg