Livingscape

Trend research: Phygital House -
Instant Need Design

TrendLab_Phygital_InstantNeedDesign_00.jpg

Grazie all’utilizzo della tecnologia e dell’Internet of Everything le case si popolano di dispositivi, elettrodomestici e elementi di arredo capaci di rispondere in tempo reale ai bisogni contingenti degli abitanti e quasi dotati di vita propria.

Aziende e brand integrano nel funzionamento dei loro prodotti sistemi di automazione che supportano la routine quotidiana sollevando le persone dalle incombenze più ripetitive e fornendo una risposta istantanea a specifiche esigenze nel momento stesso in cui si manifestano.

Andando in questa direzione la vera sfida di design e progettisti è di rendere l’interazione tra persone e tecnologia all’interno degli ambienti domestici il più facile e immediata possibile integrandola in modo “naturale” nella real life.

È quello che, a titolo di esempio, si propone di fare Silk Labs, azienda fondata a giugno 2015 da Andreas Gal, che dice: “The kind of world we imagine is that I come home and things just magically happen. I want the house to recognize me, recognize my face, turn on my lights, turn on my favorite music”. Al centro della visione dell’azienda c’è proprio la convinzione che la funzionalità dei device debba essere semplice, utile e adattarsi alle necessità di chi li usa, e non il contrario, aprendo la strada a una vera seamless experience domestica.

TrendLab_Phygital_InstantNeedDesign_01.jpg

Cuore della ricerca del laboratorio è Silk, una piattaforma personalizzabile – capace di riconoscere facce, oggetti, suoni e movimenti – che rende l’automazione delle funzionalità della casa intuitiva, conversazionale e innescata dalla convergenza di bisogni, eventi e situazioni contestuali. In quest’ottica Silk, come una sorta di cervello digitale, controlla e lavora in combinata con una larga gamma di altri dispositivi di nuova generazione.

Un passo in avanti che dall’Internet of Things porta all’Intelligence of Things.
Lift-Bit è un sistema di sedute modulari progettato da Carlo Ratti Associati in collaborazione con Vitra che cambia configurazione al solo gesto di una mano. Sembra il futuro ma è la realtà: la struttura di quello che sarebbe riduttivo definire un semplice divano è costituita da una serie di sgabelli esagonali imbottiti che possono sollevarsi e abbassarsi in pochi secondi. 

TrendLab_Phygital_InstantNeedDesign_02.jpg

A seconda del numero di moduli accorpati e della combinazione di altezze, Lift-Bit può assumere gli assetti tridimensionali più diversi e fungere, all’occorrenza, da sedia, poltrona, divano, chaise longue o letto. Il sistema non ha configurazioni predefinite ma può prendere la forma di qualsiasi appoggio per rispondere ai bisogni e ai desideri di chi lo usa. Il controllo può avvenire in tempo reale muovendo le braccia sopra la seduta o da remoto attraverso un’applicazione per smartphone e tablet. 

TrendLab_Phygital_InstantNeedDesign_03.jpg

In questo senso le nuove tecnologie conferiscono all’architettura e agli ambienti domestici un’inaspettata caratteristica di flessibilità generando un paesaggio variabile e in continua evoluzione e adeguando la sua “storica” caratteristica di staticità e “rigidità” alle esigenze di immediatezza e mutevolezza della contemporaneità.

June, società che si occupa dello sviluppo di elettrodomestici smart, sta per immettere sul mercato il suo “forno intelligente”: June Intelligent Oven. Dalle dimensioni di un fornetto, June è dotato di una telecamera full HD interna, di un’interfaccia multi-touch e un processore Nvidia Tegra, comunemente usato sui dispositivi mobili ed è letteralmente capace di cucinare al posto nostro. 

TrendLab_Phygital_InstantNeedDesign_04.jpg

Grazie alla videocamera e a specifici sensori, l’apparecchio è in grado di riconoscere il cibo e il suo peso quando questo viene infornato e, di conseguenza, consigliare le impostazioni di cottura appropriate (al momento è in grado di riconoscere 15 alimenti). Il forno tiene costantemente monitorata la temperatura delle pietanze e si spegne solo nel momento in cui ogni ricetta raggiunge l’esatto grado di cottura, garantendo risultati perfetti.

Il forno è inoltre dotato di connettività wi-fi e, attraverso l’apposita app per smartphone, è possibile guardare e monitorare in live streaming ciò che si sta cucinando (e magari cambiare a distanza le impostazioni). 

TrendLab_Phygital_InstantNeedDesign_05.jpg

Quest’ultima funzionalità dà la possibilità di montare un video in time-lapse del piatto durante la cottura rendendo la sua preparazione un contenuto adatto alla condivisione sui social.

Ovviamente June funziona altrettanto intelligentemente in modalità manuale fornendo un valido supporto anche ai più abili in cucina mentre può sostituirsi efficacemente a chi, meno esperto o con poco tempo a disposizione, non vuole rinunciare a qualità e gratificazione in cucina.

Immaginate di andare a letto e, dopo aver messo in carica il vostro smartphone e il vostro tablet, di addormentarvi placidamente cullati da un piacevole rumore bianco. Immaginate di svegliarvi con calma, mentre una luce d’atmosfera simula lentamente la luce dell’alba e la vostra playlist Spotify preferita comincia a diffondersi nell’aria.

Nel frattempo, il profumo del caffè vi arriva dalla cucina, destandovi del tutto. Prima di alzarvi non vi resta che controllare le previsioni del tempo, la situazione del traffico, prenotare un passaggio su Uber, regolare la temperatura dell’appartamento e accendere le luci in bagno. 

TrendLab_Phygital_InstantNeedDesign_06.jpg

Immaginate che riusciate a fare tutto questo mentre siete ancora a letto. Impossibile? Grazie a Beddi Intelligent Alarm Clock sembrerebbe proprio di no. Progetto della Witti Inc., acquistabile in pre-order su Kickstarter per 75 dollari, Beddi appartiene a quella emergente categoria di device che connettono insieme diverse funzionalità della casa e permettono di avere un unico centro di controllo fisico al posto di diverse app.