Livingscape

Trend Research: Eco-Conscious Home - L’abitare sostenibile

I think that as a designer nowadays we should not think we are all making the antiques of the future […]. We should create products that can be part of a circular system, and are designed considering what material goes into the product and what it leaves behind after use. (Christien Meindertsma, Designer)


TL_Eco-consciousHome_990_001.jpg

Norwegian Wood è il titolo del manuale scritto da Lars Mytting – giornalista e narratore norvegese – dedicato all’arte tutta nordica di tagliare la legna e accatastarla per l’inverno, tradotto in dieci lingue e diventato un best-seller. La fascinazione che il caso letterario ha generato anche tra chi vive in città va molto al di là dell’apprendere un’abilità ed è principalmente dovuta al fatto che i gesti descritti da Lars – indipendentemente dal fatto che li si metta in pratica oppure no – toccano temi universali ed esistenziali come quelli del rapporto primigenio tra uomo e natura e del rispetto dei tempi e dei cicli vitali di un materiale considerato il più naturale per eccellenza.

Una lezione di vita che regala un nuovo sguardo sulle cose e che si traduce nell’adozione di comportamenti eco-consapevoli e nella ricerca di prodotti sostenibili, eco-compatibili e rispettosi dell’ambiente. Questa predilezione comincia a manifestarsi anche all’interno delle mura domestiche sia nella scelta di mobili, arredi e materiali.

Aziende e designer stanno incorporando le istanze della sostenibilità nei processi produttivi facendo propri i principi dell’economia circolare e sperimentando l’utilizzo di materie prime provenienti dalla rigenerazione degli scarti. La progettazione comincia a riguardare l’intero ciclo di vita degli oggetti aprendo la strada a pratiche innovative per questo settore, come il riuso creativo o l’impiego di materiali biodegradabili.

Fioriscono così soluzioni creative per riutilizzare in modo inedito materiali di scarto dando loro una seconda vita e la possibilità di assolvere a nuove funzioni. Abbiamo già visto come il recupero dei container dismessi sia diventato un’opportunità per urbanisti e retailer per riqualificare in modo temporaneo e a basso costo intere parti di città, ora l’azienda canadese Modpools (www.modpools.com) ne sta sperimentando l’applicazione nella progettazione di giardini ed esterni per impiantare in modo semplice e veloce una piscina con funzioni di Spa.

La vasca-container ha dimensioni ridotte, si monta facilmente e altrettanto facilmente può essere spostata, integra un sistema di riscaldamento del-l’acqua e tutte le funzionalità possono essere gestite dallo smartphone. In questo modo anche un giardino molto piccolo può trasformarsi – senza eccessivi costi – in un solarium e allo stesso tempo contribuire al riuso di ingenti quantità di materiale senza ripercussioni sull’ambiente.

Questo macro-trend si articola in tre micro-trend che ne raccontano le diverse declinazioni e sfaccettature: Zero Waste Design, Upcycled Materials e Low Impact Living.