Salone WorldWide Moscow

SEGNALI

Rick Owens: Furniture

Rick Owens, uno dei più importanti stilisti contemporanei, racconta come si è avvicinato all’interior design e come nascono le sue collezioni d’arredo in un volume pensato come uno sguardo molto intimo e personale sulla sua dimensione creativa.

La migliore definizione della sua estetica sovversiva l’ha data Owens stesso con quel suo ormai storico «grunge meets glamour» che si ritrova anche nei suoi arredi: attitudine gotica, texture e materiali accostati audacemente ma anche citazioni - più o meno nascoste - del modernismo e dell’architettura brutalista. 
Dalla passione per il design a una linea d’arredo prodotta e commercializzata il passo è stato breve: lo stilista ha iniziato a disegnare mobili per puro piacere nel 2006, popolando piano piano di pezzi diventati poi iconici la sua casa e il suo quartier generale Palais Bourbon. La prima collezione vera e propria è stata presentata l’anno successivo (2007). 

In Rick Owens: Furniture si ritrova una ricognizione esaustiva del lavoro dello stilista sul fronte del design, dalle Antler Chair ai tavoli in corteccia pietrificata, dalle sedute agli arredi per le stanze da letto, ma sicuramente la parte più affascinante consiste nelle immagini inedite dedicate ai materiali, ai processi di lavorazione e a tutta l’attività “dietro le quinte” che ha portato alla nascita delle collezioni firmate da Owens e Michele Lamy, moglie, musa e strettissima collaboratrice dello stilista.

Rick Owens, Rick Owens: Furniture, Rizzoli USA 2017

segnali_Owens_Forniture_990_02.jpg
segnali_Owens_Forniture_990_01.jpg